Nelle imprese di famiglia pensando all’erede anche in Lombardia

 

 

Nelle imprese di famiglia anche in Lombardia

Spesso mi è capitato di osservare le modalità per le quali in famiglia si cerca di valutare il candidato per rilevare il comando delle imprese di famiglia, anche in Lombardia.

La scelta dell’erede nelle imprese di famiglia in Lombardia.

La scelta del candidato

Se entrambi i genitori lavorano nell’impresa, il Junior sentirà parlare di lavoro in ogni momento e, in tal caso, difficilmente potrà pensare ad alternative. Personalmente ritengo che, pur salvaguardando l’immagine dell’impresa e del leader, sia necessario investigare sulla reale vocazione del Junior e, a tal scopo, suggerirei inizialmente di considerare le reali attività alle quali si appassiona e comprenderne le affinità con il lavoro.

Le materie scolastiche per le quali è portato sono un’utile indicazione, come determinati aspetti del carattere che potrebbero aiutarlo o rendergli più difficoltoso il ruolo di imprenditore. Un momento particolarmente delicato nella crescita dello Junior è certamente rappresentato dalla scelta della scuola superiore, poiché in genere si tratta di un percorso irreversibile.

Quali domande per le imprese di famiglia in Lombardia.

Conoscere l’attività dell’azienda è un aspetto rilevante, che potrà consentire, nella scelta dell’eventuale indirizzo universitario, una maggior consapevolezza e una migliore scelta. Ecco le domande che il Senior dovrebbe porsi:

  • Ho valutato le passioni del mio Junior?
  • Ho valutato le sue vocazioni?
  • Ho compreso l’evoluzione dei suoi desideri?
  • I Junior sono più di uno. Ho iniziato a pensare al possibile assetto organizzativo in grado di accoglierli?

Davide Merigliano

Commenti Facebook

1 comment

Get RSS Feed
  1. angelo veronese

    Buongiorno Davide,
    tasto molto delicato e per nulla scontato quello da te esposto. Concordo con le tue “istruzioni per l’uso” che ahimè frequentemente, non solo vengono disattese, ma anche qualora siano state messe in essere magari evidenziando la non predisposizione del/i junior a gestire l’impresa, si sceglie il male ritenuto (a torto) minore, di “parcheggiarli” in aree ritenute “meno strategiche”…..soprattutto nel Marketing o nelle HR.
    Sorvolo sull’esito di tali scelte.
    Un caro saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *